Jo Gao Sandro Casetta

Scritto da Sifu Antonio Bacino. Postato in Responsabili di Zona

Ciao a tutti praticanti  di Wing Chun.

Tutto ebbe inizio nel lontano gennaio 2006. Ero in una palestra di la Spezia e per puro caso vidi un opuscolo che descriveva i benefici che derivano dalla pratica del Wing Chun, sia come arte marziale  eseguita  per il benessere interiore che come difesa personale; quella sera stessa conobbi Sifu Rino  mi illustrò praticamente e con poche parole in cosa consisteva questo stile, mi fece eseguire la prima forma “Siu Lin Tao” o forse è meglio dire che imitai dei movimenti.

Da allora sono passati in po’ di anni e posso dire che continuo  ad imitare dei movimenti,  però con più conoscenze e soprattutto con la curiosità che è da stimolo ad andare avanti ed a mettersi continuamente in gioco con se stessi . 

Sì perché il Wing Chun  ti porta a metterti in gioco molto umilmente, e lo sa molto bene Sifu Rino che da oltre 25 anni lo pratica con molta dedizione e a volte con maniacale ricercatezza del movimento. Ci si allena praticamente quasi tutti i giorni in  palestra da Sifu Rino  che ha creato un gruppo chiamato Bad Boys, “cattivi ragazzi” formato dai Bad Boys Francesco Speciale il primo Istruttore di Sifu Rino, il dottore Roberto Grolla ortopedico e fonte di notevole conoscenza muscolo scheletrica del corpo umano,  il 2° dottore Ezio anestesista e specialista in rianimazione ed io il cuoco del gruppo. A volte periodicamente vengono altri due o tre elementi in questo gruppo seguiti da Sifu Rino che ha oltre 25 anni di esperienza nel Wing Chun e conosciuto ben sei maestri di questo stile.

 

              

 

                                                   

Jo Gao Giacomo Rossi

Scritto da Sifu Antonio Bacino. Postato in Responsabili di Zona

Tutto ebbe inizio nel gennaio 2007 quando per pura curiosità mi avvicinai al mondo del (Kung-fu) su consiglio di un amico.

 Parlando mi raccontò di questo stile particolare e così efficace dal nome Wing Chun . Mi parlò dei suoi maestri e della loro fama a livello internazionale, la cosa mi incuriosì parecchio visto i collegamenti diretti dei maestri con l'origine dello stile ovvero Hong Kong e la famiglia Ip nonché' il figlio di Ip-man (maestro di Bruce lee), Ip-Ching.

Mi convinse allora a partecipare a qualche lezione di prova alla palestra Funakoshi di La Spezia per poi conoscere i Maestri ovvero (SIFU) presso la palestra di via Colombo.

Subito vidi la potenzialità dello stile anche se da neofita nel campo del Kung-Fu, certamente, vidi la poca utopia che accomuna tante arti marziali o corsi di autodifesa che sembrerebbero funzionare solo ad alti livelli o solo durante l'allenamento cosa che non potrà darti mai molta sicurezza. Iniziai quindi ad allenarmi prima con Sifu Rino e poi con Sifu Antonio e piano piano iniziai ad addentrarmi nel sistema e nel vasto mondo del Wing-Chun.

 Arrivando da anni di pratica della Kick-boxing K1 mi sembrava tutto strano ogni mia impostazione di attacco e di difesa era completamente diversa e apparentemente poco utile sulla maggior parte degli attacchi e delle difese del Wing Chun cosa che fino a quel momento, visto gli anni dedicati, pensavo fosse tra gli sport più completi soprattutto dal punto di vista  di autodifesa, ma capii che in questo sport c'era qualcosa di più'.

Col passare del tempo e facendo un continuo confronto con quello che sapevo e quello che stavo imparando cominciai a capire la differenza tra sport da combattimento e arti marziali sopratutto nello studiare e praticare le forme del Wing-Chun capii l'importanza della guardia frontale e incominciai a provare ed  a capire la potenza che poteva sprigionare un pugno frontale per non parlare poi dei potentissimi pugni a catena, della potenza della nostra struttura quando tutto il corpo e' coordinato per un movimento anche banale e della teoria del cuneo che detto cosi poco vuol dire ma se vi piacerà approfondire il discorso vedrete che sono tutte teorie veritiere e fondate.

Detto ciò posso dire che per quello che ho visto fino ad ora e per l'esperienza che posso aver fatto nelle arti marziali questa e' sicuramente tra le arti più complete indubbiamente per quanto riguarda la difesa personale e non solo visto che tanti intraprendono anche il wing-chun, non solo come arte marziale, ma come stile di vita e di pensiero infatti, secondo me, lo si può apprezzare ancor più da chi ha già esperienze nel campo che non da chi e' inesperto  dove tutto andrebbe bene, basta dare qualche pugno e due calci con qualche acrobazia speciale magari inattuabili, ad esempio, per strada!!! e quindi avendo fatto un percorso di studi di altre arti si può veramente mettere a confronto la potenza del Wing Chun vedendo che a volte bastano anche piccoli movimenti fatti in maniera naturale a renderci molto meno vulnerabili.  Vi consiglio di provare per vedere se darmi ragione o no ad ogni domanda sono sicuro che vi sarà data una spiegazione sia pratica che teorica ......provate per credere…. ciao Giacomo Rossi.